Onkyo e Pioneer quale futuro?

maker img onkyo

Le voci sul fallimento di Onkyo sono state parecchio gonfiate! Ma mentre il suo anno fiscale volge al termine il 31 marzo, la storica azienda audio giapponese potrebbe tirare fuori una spettacolare asso nella manica e cambiare le sue fortune per il 2021.

Affermare che il 2020 è stato un anno difficile per Onkyo è un eufemismo. La scorsa estate abbiamo appreso che Onkyo USA ha chiuso i battenti per una buona distribuzione nordamericana a Klipsch (sotto 11 Trading Company). Questa era solo una parte di un piano che includeva molte ristrutturazioni interne sia in Giappone che nelle sue attività globali. Anche se potremmo non conoscere mai i dettagli, potrebbe essere stata la ferrea fiducia in se stessi di Onkyo a ridurre l’ accordo con Sound United per l’acquisto di Onkyo e delle sue proprietà, inclusa Pioneer.

Ma le difficoltà dell’azienda per il 2020 includevano anche rapporti di clienti e rivenditori che incontrano difficoltà nell’ottenere prodotti, parti e riparazioni in garanzia. Questo è ciò che ha portato alla speculazione di fine anno secondo cui Onkyo aveva chiuso i battenti per sempre, o per lo meno soffriva di gravi problemi di catena di fornitura. I problemi di fornitura erano comprensibili nel 2020, è stato un brutto anno per tutti noi, ma potrebbe aver colpito particolarmente duramente l’industria audio giapponese. Tra i blocchi di COVID-19 e un incendio in uno stabilimento AKM giapponese che ha spazzato via importanti componenti audio digitali utilizzati nei sintoamplificatori A / V, i problemi di fornitura sono stati quasi certamente avvertiti in tutto il settore. Per Onkyo era il sale massaggiato su ferite già significative. Ma non importa quanto fosse grave, sembrava solo aumentare la determinazione dell’azienda a combattere.

Con l’inizio dell’inverno 2020, abbiamo sentito la cattiva notizia che Onkyo era insolvente. No, Onkyo non ha mai dichiarato bancarotta, almeno non ancora. L’insolvenza è dove un’azienda non può pagare i suoi conti, uno stato finanziario che è stato il primo nella lunga storia di Onkyo. Il fallimento, d’altra parte, è una misura adottata per affrontare l’insolvenza. Ma la fine di Onkyo non era ancora arrivata e invece ha deciso di elaborare il suo piano per uscire dalla situazione. La ristrutturazione della sua attività globale era solo una parte di quel piano.

Onkyo potrebbe essere sulla soglia di un ritorno quest’anno. Sia Onkyo che la sua consociata Pioneer si sono presentati all’evento virtuale CES di quest’anno a gennaio caricati con nuove linee di ricevitori A / V. Onkyo sta cercando una nuova tecnologia competitiva con HDMI 2.1, 8K fino a 40 Gbps e Dolby Atmos nella sua gamma. L’azienda offre anche prezzi competitivi con la sua linea 2021 a partire da $ 499. L’entry level TX-NR5100 di Onkyo, un ricevitore 5.2.2, darà al nuovo RX-V4A di Yamaha filo da torcere come scelta accessibile in A / V quest’anno, entrambi MSRP a circa $ 500. La nuova linea di Onkyo include anche il TX-RZ50 un ricevitore a 7.2.2 canali con sette ingressi HDMI e due uscite, che sarà venduto al dettaglio intorno ai 1000€. Pioneer Elite ha anche introdotto tre nuovi ricevitori a prezzi simili ma leggermente più alti per coprire l’estremità superiore della nuova gamma. Sistema di calibrazione Dirac Live per i suoi modelli di fascia alta, a partire dal TX-NR7100. AccuEQ si è rivelato non così popolare, quindi Onkyo sembra averlo lasciato indietro insieme ai suoi passati problemi HDMI. Il 2021 sembra essere un nuovo inizio per l’azienda audio giapponese. Apprenderemo di più sulla domanda per i nuovi prodotti a partire da giugno 2021, quando la nuova linea verrà lanciata nella vendita al dettaglio.

Non sappiamo con certezza cosa accadrà a Onkyo nel prossimo mese, o se sarà costretto a lasciare il JASDAQ e ad una possibile bancarotta. Ma in base alla sua ambizione di vendita al dettaglio e alla recente performance delle azioni, sembra che Onkyo continuerà … per ora.

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.